Caro Silvio, questa Italia non è un paese per donne

E sarà una grande mobilitazione, perché le donne hanno risposto alla chiamata partita da due associazioni postfemministe (Di Nuovo e le Filomene) e poi confluita nel trasversalissimo comitato Se non ora quando sull’onda del Rubygate e dell’indignazione anti-bunga bunga.
Una chiamata per dire a Silvio che di come tratta le donne non se ne può più, partita con qualche errore blu ‒ l’implicita distinzione fra donne per bene e donne per male nell’appello iniziale in nome della dignità femminile ‒ e poi corretta in corsa.
Il loro appello ha risvegliato il movimento delle donne, spaccato il tradizionale fronte femminista e agitato il dibattito politico pro e anticavaliere con accuse di bacchettonismo e libertinismo fra i due fronti ma alla fine porterà in piazza moltissime ragazze senza casacca che, fuori dai moralismi, pensano a un modello diverso di relazione fra i sessi avendo cominciato a sperimentarlo con i propri compagni nel day by day.
Che, mentre a sinistra e nel mondo femminista si discute anche animatamente, o tacciono, o si appiattiscono sulla linea dettata dall’inner circle berlusconiano che oscilla fra la inviolabilità della vita privata (anche di una persona che ricopre cariche pubbliche) e il solito attacco alle eversive toghe rosse della procura di Milano.

Fonte: www.europaquotidiano.it

Caro Silvio, questa Italia non è un paese per donneultima modifica: 2011-02-12T21:42:34+01:00da eros081
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento